No hate. No violence
Races? Only one Human race
United We Stand, Divided We Fall
Radio Islam
Know Your enemy!
No time to waste. Act now!
Tomorrow it will be too late

English

Franç.

Deutsch

Arabic

Sven.

Español

Portug.

Italian

Russ.

Bulg.

Croat.

Czech

Dansk

Finn.

Magyar

Neder.

Norsk

Polski

Rom.

Serb.

Slov.

Indon.

Türk.

汉语

Rapporto Leuchter

PREFAZIONE

di Robert Faurisson



Nel gennaio del 1988, a Toronto (Canadà), presi parte alla difesa del signor Ernst Zündel, che fu processato per "diffusione di notizie false", avendo pubblicato Morirono, realmente, sei milioni?, un libretto che sfidava l'universale credenza che sei milioni di ebrei sarebbero stati assassinati dai nazisti durante la Seconda Guerra Mondiale, mediante l'uso di camere a gas e l'impiego di cianuro (gas Zyklon-B).

Ernst Zündel era stato processato, in precedenza, per lo stesso fatto nel 1985. Il dibattt'mento durò sette mesi e terminò con una sentenza che lo condannava a 15 mesi di prigione. Nel gennaio del 1987 la Corte d'Appello dell'Ontario annullò il processo a causa di gravi errori legali e ordinò l'apertura di un nuovo procedimento. Questo nuovo processo iniziò iI 18 gennaio 1988 ed ancora prosegue, al momento in cui scrivo questo rapporto.

FredA. Leuchler, 45 anni di età, è un ingegnere che vive a Boston, Massachusetts, specialista nella progettazione e costruzione di apparecchiature per esecuzioni, utilizzate nelle carceri degli Stati Uniti. Uno dei suoi maggiori progetti è stato quello di una camera a gas per iI penitenziario statale del Missouri, a Jefferson City.

Le mie prime conversazioni con Fred Leuchter avvennero a Boston il 3 e 4febbraio 1988. Mi impressionò per le sue concise risposte alle mie domande e per l'abilità nello spiegare ogni dettaglio del processo di gasazioni. Egli mi confermò la natura particolarrnente pericolosa, per gli operatori e gli astanti, di un'esecuzione con gas di cianuro.

Le esecuzioni con questo gas furono realizzateper la prima volta negli Stati Uniti, nel 1924; però ancora oggi, nel 1988, permangono difficoltà nella costruzione di camere a gas per questo scopo, a prescindere dai problemi di ermeticità per le filtrazioni. Peraltro, notai che Fred Leuchter non aveva dubbi sulla realtà dell'"olocausto".

Quando tornai in Canadà, dopo che lo ebbi informato delle mie conversazioni con Fred Leuchter, Zündel decise di sollocitargli una perizia sulle presunte camere a gas di Auschwitz, Birkenau e Majdanek.

Fred A. Leuchter accettò l'incarico dopo una riunione nella quale, inoltre, esaminò fotografie di campi di concentramento durante la guerra, piante di crematori e delle presunte camere a gas, documentazione sullo Zyklon-B e diapositive dei luoghi prese dal ricercatore svedese Ditlieb Felderer nel 1970.

Il 25 febbraio 1988 Fred A. Leuchter partì per la Polonia, insieme a sua moglie Carolyn, al suo disegnatore tecnico Hourerd Miller, al videoperatore Jürgen Neumann ed al traduttore polacco Theodor Rudolf. Essi tornarono il 3 marzo, dopo otto giorni di permanenza in Polonia.

Successivamente, Fred Leuchter scrisse una relazione di 192 pagine, incluse le appendici. Le sue conclusioni sono chiare. L'evidenza che non cifurono camere a gas per esecuzioni in Auschwitz, Birkenau e Majdanek è lampante e si è così stabilito che le presunte camere a gas non avrebbero potuto essere utilizzate né allora né mai.

Il 20 e 21 aprile 1988 il signor Leuchter partecipò come testimone al p rocesso contro Zündel a Toronto (Canadà).

All'inizio rispose alle domande che gli rivolse l'avvocato difensore di Er n st Zündel, Do u glas H. Christie, assistito da Keltie Zubko e Barbara Kulaszka. Leuchter affrontò poi I'interrogatorio del Pubblico Ministero, John Pearson, che fu assistito duran te tutto il dibattimento da un altro magistrato della Corona, da un impiegato del tribunale e, confrequenti consultazioni, da esponenti ebraici che erano seduti direttamente dietro di lui nell'aula del tribunale.

L'interrogatorio ebbe luogo alla presenza di un giudice e di una giuria di undici membri. Nell'aula giudiziaria l'atmosfera era estremamente tesa. Mi capitò di sedere accanto a numerosi esperti revisionisti, tra cui il Dr. William Lindsay, cap o ri cercatore chimico della Ditta Dupont, fino al suo pensionamento nel 1985. Ognuno, nella sala del p rocesso, indipendentemente dai suoi personali punti di vista riguardo alla questione in esame, si sentiva emozionato -- così credo -- perché stavamo partecipando ad un evento storico. Il mito delle camere a gas era finito.

Il giorno precedente, il direttore del penitenziario statale del Mis so uri, Bill Armontrout, aveva reso testimonianza, spiegando la procedura da seguire ed iI funzionamento pratico di una camera a gas di cianuro. A chiunque l'avesse ascoltato attentamente sarebbe. ri sultato chiaro che era impossib i le giustiziare una sola persona utilizzando Zyklon-B e che quindi la presunta esecuzione in quella maniera di centinaia di migliaia di persone da parte dei tedeschi, sarebbe equivalsa alla risoluzione del problema della quadratura del cerchio.

Dopo Fred Leuchter testimoniò il Dr. James Roth (Cornell University), gerente degli Alpha Analitical Laboratories ad Ashland, Massachusetts. Il Dr. Roth informò circa le analisi dei campioni asportati dallo pareti, dai soffitti, dai pavimenti e da altre strutture interne delle presunte camere a gas di Auschwitz e Birkenau. Le analisi rivelarono che non c'erano tracce di cianuro nei campioni e che in alcuni casi iI livello era estremamente basso. L'unica eccezione fu riscontrata nel campione di controllo n · 32, estratto dalle installazioni di disinfestazione n· 1 a Birkenau. Questi risultati furono riprodotti nel grafico dell 'appendice I del Rapporto e mostrati alla giuria con un troiettore overhead. La differenza tra il cianuro scoperto nelle installazioni per la disinfestazione, da una parte, e nelle presun te camere a gas, dalI'altra, era spettacolare. I livelli estremamente bassi di cianuro che si riscontrano in alcuni crematori erano, secondo la mia opinione, il risultato della disinfestazione degli immobili durante la guerra.

Credo di essere stato il p rimo a segnalare che tutti gli studi sulle presunte camere a gas tedesche per esecuzioni, che avrebbero adoperato lo Zyklon-B, dovrebbero cominciare con uno studio delle camere a gas americane. Già nel 1977 iniziai con 1'aiuto di un amico americano, Eugene C. Brugger, avvocato in New York City, una ricerca in questo campo. Durante queste ricerche, ottenni informazioni da sei penitenziari americani: Saint Quentin, in California; Jefferson City, nel Misso uri; Santa Fe, nel New Mexico; Raleigh, nel North Carolina; Baltimora, nel Maryland; e Florence, in Arizona. Fui obbligato a concludere, a quel tempo, che soltanto un esperto della tecnologia delle camere a gas americane avrebbe potuto, finalmente, determinare se lo presunte camere a gas tedesche per esecuzioni erano atte a tale impiego, così come le descrive la letteratura sterminazionista.

D urante gli ann i successivi i m iei articoli sulle camere a gas tedesche facevano sempre riferimento alle camere a gas americane. Quegli articoli inclusero Il clamore su Auschwitz o del problema delle camere a gas, pubblicato i1 29 dicembre 1978 dal quotidiano francese " LeMonde " , ed una estesa intervista pubblicata nell'agosto del 1979 nella ri vista italiana " Storia Ill ustrata " . Nel settembre del 1979 visitai la camera a gas di Baltimora, Maryland, ed ottenni otto fotografie della camera e documentazione aggiuntiva. Successivamente, durante un convegno tenutosi a New York City sotto la direzione di Fritz Berg, mostrai iI foglio di controllo per la procedura di funzionamento delle camere a gas del penitenziario di Baltimora e discussi le sue implicazioni. Nel 1980 pubblicai nel p rimo numero del neonato " Journal of Historical Review " un articolo intitolato I meccanismi della gasazione, nel quale descrissi particolareggiatamente i procedimenti d'uso delle camere a gas adoperati negli Stati Uniti. Nello stesso anno pubblicai in Vérité historique ou vérité politique? Ie otto fotografie della camera a gas di Baltimora. Nel 1982 preparai una videocassetta intitolata Il problema delle camere a gas, che iniziava con uno studio delle camere a gas americane. Nel 1983 redassi, per conto dell'lnstitute for Historical Review di Los Angeles, un libro in lingua inglese sulle controversie delI'Olocausto che incluse, per la prima volta, un elenco di domande rivolte agli amministratori penitenziari e le loro risposte. Il Iibro, tuttavia, non fu mai pubblicato: il 4 luglio 1984 -- iI giorno dell'lndipendenza Americana -- gli archivi dell'lstituto furono distrutti da un incendio. Quel rogo, dolosamente appiccato, distrusse deiberatamen te la capacità finanziaria dell'lstituto, ed una gran quantità di progetti, incluso quello del mio libro, furono abbandonati.

L ' " Olocausto " apparve come una faccenda di enormi proprorzio ni. Però questo " gigante " , come lo definì iI Dr. Arthur Butz in The Hoax of the Twentieth Century, è un gigante dai piedi d'argilla. Per osservare i piedi d'argilla bisogna soltanto visitare il campo di concentramento di Auschwitz, in Polonia. Ricordiamo le parole del Dr. Wilhelm St ä glich: " la tesi dello sterminio si sostiene o cade insieme all'osservazione che Auschwitz fu una fabbrica della morte " , e per me tutto il mistero di Auschwitz gira attorno ai 65 metri quadrati della presunta camera a gas di Auschwitz I e ai 210 metri quadrati di Birkenau. Questi 275 metri quadrati avrebbero dovuto essere sottoposti ad un'investigazione forense da parte degli Alleati, immediatamente dopo la guer ra, ma un 'indagine di questo tipo non fu intrapresa né allora né dopo. In Polonia, il magistrato Jan Sehn ordinò alcune investigazioni giudiziarie ad Auschwitz, ma esse non furono svolte nelle presunte camere a gas per esecuzioni.

Le investigazioni effettuate da " revisionisti " hanno dimostrato che le presunte camere a gas per esecuzioni non avrebbero potuto essere utilizzate a tale scopo. Ditlieb Felderer p ubblicò fatografie che mostrano la costruzione rudimentale delle aperture di aerazione e delle porte che conducono all'interno delle camere a gas e l'assenza delle macchie di blu di Prussia sulle pareti. Io stesso scoprii negli archivi del Museo Statale di Auschwitz (archivi che erano ben sorvegliati dai commessi comunisti) i progetti edilizi di queste presunte camere a gas e li feci pubblicare in diversi libri ed articoli. Questi proge tti furono, anch'essi, mostrati nel primo convegno dell'" lnstitut e for Historical Review " a Los Angeles nel 1979 al quale fu presente il Sig. Z ü ndel. In realtà, queste presunte camere a gas erano camere mortuarie o, come indicavano i progetti, Leichenhalle (camere mortuarie) per iI Krematorium l (in seguito trasformato in rifugio antiaereo) e Leichenkeller (obitori sotterranei) per iI Krematorium II.

Nonostante ciò, per ottenere una piena conferma scientifica di quello che iI buon senso ci aveva indotto a vedere e di quello che iI lavoro di investigazione revisionista e le documentazioni hanno rivelato, fu necessario cercare uno specialista americano in camere a gas.

Accanitamente tentai di reperirne uno; però, francamente, avevo poche speranze di trovare un uomo che non soltanto fosse un esperto nella tecnologia delle camere a gas, ma che avesse anche sufficiente coraggio per portare a compimento un'indagine del genere in un paese comunista e per pu bblicarne i risultati nel caso che questi avessero con fermato le conclusioni rev i si oniste. Fortunatamente mi ero sbagliato.

Fred Leuchter f u quello specialista. E gli stesso, personalmente, si recò in Polonia, condusse l'investigazione forense, scrisse la sua relazione e rese testimonianza di fronte alla Cor te canadese nel p rocesso contro il Sig. Zündel. Nel far questo, entrò silenziosamente nella storia.

Fred Leuchter è un uomo modesto, deciso, che -- inoltre -- parla con p recisione di termini. Senza dubbio, sarebbe un eccellente professore, giacché ha veramente il dono di far capire alla gente gli aspetti più complessi di qualsiasi problema. Quando gli domandai se avesse timore di possibili conseguenze pericolose, rispose: " un fatto è un fatto " . Dopo aver letto iI Rapporto Leuchter, David Irving, il famoso storico inglese, dichiarò i1 22 aprile 1988 durante la sua testimonianza a Toront o, che quello era un documento " schiacciante " , che sarebbe stato essenziale per ogni futuro storico che avesse scritto sulla Seconda guerra Mondiale.

Senza Ernst Zündel quasi nulla di tutto quel che è emerso avrebbe potuto essere concepito. Egli ha sacrificato tutto per la ricerca della effettiva realtà storica, vivendo in condizioni difficili, affrontando nemici influenti e potenti. Pressioni vengono permanentemente esercitate su di lui, in modi imprevedibili e spesso insidiosi. Ma egli possiede una forte personalità ed uno speciale carisma, sa come analizzare qualsiasi situazione, come valutare i rapporti di forza e come volgere le avversità in vantaggi. È capace di attrarre e mobilitare persone di elevatissima competenza in tuttigli angoli del mondo. Insomma, è un uomo che va al fondo delle cose, un genio che coniuga il senso comune con una acuta comprensione della gente e delle situazioni.

Egli potrebbe finire -- un'altra volta ancora -- in prigione per le sue ricerche e le sue convinzioni o potrebbe essere minacciato di deportazione. Tutt o è possibile. Qualsiasi cosa pu ò succedere quando esiste una crisi intellettuale ed avviene una rettificazione di concetti storici di simili proporzioni. Il revisionismo è la grande sfida intellettuale della fine di questo secolo. Indipendentemente da quel che p u ò succedere, Ernst Zündel è un pacifista-attivista, che ha ottenuto questa vittoria attraverso iI potere della ragione e delle capacità di persuasion e.

Toronto, 23 aprile 1988

 

P.S.: Ernest Zündel è stato dichiarato colpevole dalla Giuria, 1' 11 mag gio 19 88 per aver diffuso notizie false, consapevolmente, sull'Olocausto. E stato condannato a 9 mesi di prigione e gli è stata concessa libertà sotto canzione dopo aver firmato un'ordinanza bavaglio, nella quale prometteva d i non scrivere né parlare dell'"Olocausto" fino al termine del p rocesso d'appello. In tal modo, dunque, è stato accomunato a Galileo.


 




Rapporti Leuchter
, Edizioni all'insegna del Veltro, La Sfinge, 85 p., gennaio 1993.

Vedi qui il Rapporto Leuchter

 


"Israele come stato ebraico costituisce un pericolo non solo per se stesso e per i suoi abitanti, ma per tutti gli ebrei e per tutti gli altri popoli e stati del Medio Oriente e anche altrove."

- Prof. Israel Shahak, ebreo israeliano e direttore della lega israeliana per i diritti umani e civili


Palestine banner
Viva Palestina!

Latest Additions - in Italiano

Intervista a Ahmed Rami
Giornale algerino "Le Jeune Indépendant" 

Introduzione a "Écrits révisionnistes"
Di Robert Faurisson

Milizie Ebraiche: Quindici anni (e piu') di Terrorismo in Francia
Di Robert Faurisson

Foto  

Pasque di sangue - Ebrei d'Europa e omicidi rituali    
Di Ariel Toaff


Iraq under Jewish occupation
Iraq - guerra e occupazione


Due pesi due misure: riconoscere il terrorismo dello Stato d'Israele

A Herzliya, Israele svela la sua strategia contro l'Iran
Di Thierry Meyssan

L'Olocausto allo scanner
Di Jürgen Graf

Mein Kampf - La mia battaglia
Di Adolf Hitler

"Perché gli arabi dovrebbero fare la pace? Se fossi un dirigente arabo non la firmerei con Israele. È normale: abbiamo preso il loro paese."

- David Ben-Gurion, Primo Ministro di Israele


Citazioni - sionismo

Storico israeliano afferma: Il popolo Ebraico e' un'invenzione

Memri selettivo
Di Brian Whitaker

Down with Zio-Apartheid
StopJewish Apartheid!

Lista degli ebrei influenti italiani
Il giudaismo in Italia 

Le vittorie del revisionismo
Di Professore Robert Faurisson

The Jewish hand behind Internet The Jews behind Google, Facebook, Wikipedia, Yahoo!, MySpace, eBay...

Le caricature di Maometto - Un altro stratagemma sionista inteso a generare odio contro i mussulmani

Uno sguardo sulla potente Lobby Ebraica - Di Mark Weber

The Founding Myths of Modern Israel
Garaudy: "I miti fondatori"


I miti fondatori della politica israeliana
Di Roger Garaudy

Misteri e Segreti del B'naï B'rïth

Citazioni dal Talmud ebraico

Reel Bad Arabs - Revealing the racist Jewish Hollywood propaganda

Rapporto Leuchter

The Founding Myths of Modern Israel
Shahak: "Storia ebraica"

Definiamo lo Stato d'Israele 
Di Israel Shahak

Protocolli di Sion

Videos - Importante collezione
 

Talmud unmasked
Citazioni dal Talmud ebraico

Il Talmud smascherato

Dopo Soros: “Lobby Ebraica”, un tabù infranto?
Di Manno Mauro

Caricature 

Attivismo! - Partecipa alla lotta!